Prevenzione e sensibilizzazione

Il primo obiettivo è quello di organizzare e promuovere azioni di sensibilizzazione sulla tematica della Violenza di Genere attraverso l’organizzazione di incontri, eventi specifici (in fase di definizione), così da intervenire sul piano della prevenzione secondaria del fenomeno.

Il mondo dello Storico Carnevale di Ivrea con Violetta la forza delle donne

Sono stati organizzati incontri con i direttivi delle nove squadre di Aranceri a piedi per condividere il progetto, raccogliere idee e suggerimenti al fine di arrivare, in occasione dell’Edizione 2018 del Carnevale, a un’iniziativa comune a tutti sotto il nome di Violetta. E’ stata così realizzata una card personalizzata con i colori delle singole squadre che descrive il Progetto che è stata inserita nel kit per gli iscritti.
In tutte le piazze di tiro sarà esposta una bandiera con il logo di Violetta, a testimonianza dell’adesione di ogni squadra al Progetto.

Il mondo della scuola

Anno Scolastico 2018/2019

Sensibilizzare e formare gli studenti sul tema della violenza domestica al fine di prevenire atteggiamenti ad essa riferibili. Questo è l’obiettivo generale del progetto Violetta la forza delle donne per le scuole destinato ai ragazzi del quarto anno delle quattro scuole secondarie di Ivrea (Liceo Classico C. Botta, Liceo Scientifico A. Gramsci, Istituto d’Istruzione Superiore G. Cena e C. Olivetti)

Il progetto nasce dalla collaborazione con la Rete Didattica contro la Violenza di Genere del Corso di Laurea in Infermieristica di Ivrea – Università degli Studi di Torino Polo Formativo e di Ricerca Officina H Ivrea (unica esperienza italiana) con l’obiettivo specifico di far conoscere e riflettere sui significati del termine “Violenza” e sugli aspetti relazionali che ne favoriscono il manifestarsi, imparare a sperimentarsi su micro progetti per promuovere interventi di prevenzione del fenomeno sul nostro territorio attraverso la divulgazione.

Gli incontri nelle singole scuole sono iniziati a fine settembre e terminati il 29 marzo con l’evento che si è tenuto in presenza d tutti i ragazzi del quarto anno presso l’Auditorium Officine H di Ivrea.

I moduli si aono svolti sotto forma di confronti/dibattiti tra allievi e docenti/relatori, discussione di filmati, lavori in piccoli gruppi su problemi e casi clinici con produzione di rapporti finali da discutere con l’esperto, lavori di gruppo, incontri di verifica a distanza dell’apprendimento, lezioni e relazioni su un tema.

La cittadinanza

Il 24 novembre 2018 è stato organizzato al Teatro G. Giacosa di Ivrea l’evento di presentazione dei risultati del primo anno di attività del Progetto Violetta: un grandissimo successo sottolineato dalla presenza di un pubblico numerosissimo ed attento che ha assistito ad interventi alternati a momenti musicali e a video.

Quattro studenti – Aurora Bottino, voce, Liceo Classico Botta; Simone Cardile, chitarra, e Lorenzo Oddo, basso, Istituto Cena; Lorenzo Tumini, Media Falcone e Liceo Musicale di Ivrea – hanno aperto e chiuso l’evento con due brani, “Donna” di Mia Martini e “Perché” di Alex Britti, che sono stati pensati per creare un primo e un ultimo momento di riflessione sulla drammaticità che la violenza sulle donne porta con sé.

Lilli Angela, responsabile del Progetto e Luisa Mussano, Gran Segretario de L’Ordine della Mugnaia, promotore del Progetto, hanno introdotto la serata ringraziando tutti coloro che a vario titolo hanno reso possibile l’attivazione delle varie iniziative.

Un videoclip ha poi raccontato attraverso immagini questo anno di lavoro.

Barbara Bellardi, responsabile della comunicazione del Progetto Violetta, insieme ai presidenti dell’Associazione Aranceri a piedi, Guido Santi, dell’Associazione Aranceri carri da getto, Simone Lavezzo, dell’Albo Conducenti carri da getto e ai rappresentanti delle nove squadre di aranceri a piedi, ha illustrato quanto è stato fatto nell’ambito della Comunità del Carnevale. I presidenti hanno annunciato la novità per l’Edizione 2019 dello Storico Carnevale di Ivrea: il popolo (aranceri a piedi) e le armate del Feudatario (aranceri sui carri e conducenti) saranno uniti nel segno della nostra eroina, Violetta. La toppa di iscrizione avrà l’immagine di Violetta.

Barbara Bessolo, responsabile Scientifica del Progetto, Silvana Faccio e Fabrizia Cogo della Rete Didattica sulla violenza di genere del Corso di Laurea di Infermieristica, hanno poi raccontato quanto è stato fatto nelle quattro scuole superiori di Ivrea. Hanno aperto questa sessione quattro coppie di ragazzi leggendo alcune frasi tratte dai racconti che gli studenti hanno scritto a scuola quando è stato chiesto loro di raccontare episodi vissuti più o meno direttamente che avevano a che fare con la violenza sulle donne.

L’altro importantissimo obiettivo che è stato raggiunto grazie al Progetto Violetta è stato quello di potenziare l’attività clinica di sostegno psicologico presente sul nostro territorio. Barbara Bessolo ha raccontato che nel mese di aprile 2018 sono stati avviati due gruppi di psicoterapia che allo stato attuale hanno accolto 14 donne, per le quali il gruppo si sta rivelando uno strumento di intervento molto efficace nel farle uscire dal silenzio, dall’isolamento e nel permettere di recuperare il senso della loro prospettiva. In questo contesto le donne lavorano sulla comunicazione e sulla relazione, trovano uno spazio intimo di condivisione che produce un’elevata risonanza e consente di trovare soluzioni rispettose dei tempi e dei bisogni di ciascuna.

La Famiglia Porrati – mamma e figlia al violino, papà e figlio alla tastiera – hanno eseguito brani di Schumann concedendo un momento di riflessione al pubblico.

Per impegni presi in precedenza non ha potuto partecipare di persona, siamo quindi andate a trovarlo al Palazzo della Giustizia di Milano per una videointervista: Fabio Roia. Magistrato dal 1986, già sostituto procuratore presso la procura di Milano addetto al dipartimento “fasce deboli”, attualmente svolge la funzione di Presidente di Sezione presso il Tribunale di Milano nella sezione misure di prevenzione. E’ autore di vari libri, l’ultimo si intitola “Crimini contro le donne”.

Dopo un breve intervento del Sindaco Stefano Sertoli è stato il momento dell’attrice-autrice Laura Curino che ha dato voce alle Donne dei gruppi di sostegno psicologico. Donne che hanno voluto dare un segno tangibile della loro presenza attraverso dei loro oggetti sul palco e la scrittura di due lettere indirizzate a tutti, con le quali hanno fortemente voluto farci comprendere che cosa significa per loro il percorso di sostegno psicologico che stanno seguendo.

Il Gruppo di lavoro del Progetto Violetta ringrazia di cuore Laura Curino, la Famiglia Porrati; Aurora, Lorenzo, Simone e Lorenzo, gli studenti e i loro insegnanti; le signore dei gruppi di supporto terapeutico; Silvana Faccio, Fabrizia Cogo e Barbara Bessolo; gli aranceri, L’Ordine della Mugnaia e la Città di Ivrea e quelle aziende che sono intervenute con il loro supporto tecnico. Il Contato del Canavese per il Teatro; lo Studio Karta, Ivrea Grafica, Eliocopy, Spritz, gli aranceri Mercenari, Message, i media e i commercianti per la realizzazione del materiale di comunicazione e la promozione; Ivrea Imballi, Domus Edilizia e MEG di Castrovilli per le scarpette rosse che avete visto nelle vetrine dei negozi e qui in teatro; Eureka per l’illuminazione esterna al Teatro; Media Video Flash per la parte tecnica e Alterego per la comunicazione e l’organizzazione dell’evento, Alessio Avetta per le immagini.

l.cacciolaPrevenzione e sensibilizzazione